La Cina e la sua crescita costante: dal sostegno all’occupazione all’emergere di nuovi settori di mercato

2
154

Dopo un primo trimestre negativo, la Cina torna a crescere nel secondo trimestre con un incremento del PIL di circa tre punti percentuali. Le tempestive ed efficaci misure di sicurezza hanno consentito al settore industriale di aumentare la produzione del 4%, con un incremento dei consumi previsto per i prossimi mesi. La Cina infatti è la prima grande economia del mondo che ha iniziato la fase di crescita e questo condizionerà in positivo anche gli altri paesi.

La portavoce dell’ufficio nazionale di Statistica e direttrice del Dipartimento di Statistica dell’economia nazionale Liu Aihua, nel corso di una conferenza stampa tenutasi lo scorso giovedì 16 luglio, ha affermato che un ulteriore crescita è attesa per il resto dell’anno. Questo principalmente grazie all’emergere di nuovi settori di mercato creati a causa del Covid-19, che insieme alle consistenti politiche macro economiche di Pechino, creeranno delle fondamenta solide per la crescita dell’economia cinese. Infatti, la tendenza di quest’ultima nel lungo periodo è stabile e positiva.

 A sostegno della crescita il Governo cinese ha lanciato un pacchetto di misure fiscali che prevede per esempio sgravi fiscali e tagli ai tassi di prestito, con l’obiettivo di sostenere il mercato del lavoro. Proprio quest’ultimo ha registrato un calo della disoccupazione nelle aree urbane di 0,2 punti percentuali rispetto al mese di giugno. Inoltre, il settore farmaceutico e dell’e-commerce hanno visto rispettivamente un incremento di circa il 10 e 30 percento. Anche questo ha contributo ad una sorprendente performance nel commercio estero, con le esportazioni e le importazioni che hanno fatto registrare un ulteriore aumento nel mese di giugno.

Fonte immagine: https://cimg.cnyes.cool/prod/news/4507200/l/a3d63a348994fba576993863559b99c1.jpg

2 comments

  1. Lorenzo 29 Luglio, 2020 at 13:10 Rispondi

    La Cina è la seconda economia del mondo e la prima ad avviare la ripresa dopo la pandemia. Vediamo se una ripresa a v sarà reale anche in Italia.

  2. Enrico 30 Luglio, 2020 at 00:18 Rispondi

    I cinesi sono stati i primi ad essere colpiti e ne sono usciti per primi, altri che avevano avuto molti mesi per prepararsi sono in situazioni peggiori. Non bisogna fare il tifo, ma se c’è qualcosa che funziona bene è giusto prendere esempio.

Leave a reply