Al recente Forum Boao per l’Asia, il presidente cinese Xi Jinping è tornato nuovamente a parlare di pace e sicurezza. Lo ha fatto durante il suo discorso “Arrivare alle sfide e costruire un futuro luminoso attraverso la cooperazione”, pronunciato alla cerimonia di apertura della Conferenza annuale.

In quell’occasione, il presidente Xi ha lanciato la Global Security Initiative (GSI), ribadendo la sua visione internazionalista e sottolineando come l’obiettivo dell’Iniziativa sia quello di fornire risposte a domande del nostro tempo, in particolare con riguardo alle modalità in cui i Paesi possono raggiungere la sicurezza comune e di quale concetto di sicurezza il mondo abbia bisogno .

L’Iniziativa dimostra le crescenti preoccupazioni del presidente Xi Jinping per la pace e lo sviluppo nel mondo. La GSI, infatti, sostiene il rispetto reciproco e la sicurezza indivisibile come requisiti fondamentali e la costruzione di una comunità di sicurezza come obiettivi a lungo termine, al fine di promuovere un nuovo tipo di sicurezza che sostituisca lo schema dell’alleanza.

Nel corso del suo discorso al Forum di Boao per l’Asia Xi ha anche sottolineato l’importanza di continuare ad impegnarsi per il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale di tutti i Paesi, per sostenere il principio della non interferenza negli affari interni e per rispettare le scelte indipendenti dei diversi Paesi, con un chiaro richiamo alle questioni cinesi.

Inoltre, pur fermo restando il rispetto degli scopi e ai principi della Carta delle Nazioni Unite, il Presidente cinese ha parlato di netta opposizione della Cina all’unilateralismo e alla politica di gruppo e confronto di blocco, attraverso un rinnovato impegno nell’affrontare seriamente le legittime preoccupazioni in materia di sicurezza di tutti i Paesi. In tal senso, Xi Jinping ha ribadito la linea di sostegno al principio della sicurezza indivisibile, alla costruzione di un’architettura di sicurezza equilibrata, efficace e sostenibile ed al contrasto all’ingerenza nella sicurezza degli altri.

Infine, dalle parole del presidente cinese emergono una netta opposizione all’uso sfrenato di sanzioni unilaterali e l’impegno a mantenere la sicurezza sia in ambiti tradizionali sia non tradizionali, lavorando sulle controversie regionali e sulle sfide globali come il terrorismo, i cambiamenti climatici, la sicurezza informatica e la biosicurezza.

“Questa grande iniziativa porta avanti lo spirito della Carta delle Nazioni Unite, offre una soluzione fondamentale per eliminare il deficit di pace e contribuisce al futuro della Cina per affrontare le sfide della sicurezza internazionale”, ha affermato il vice ministro degli Esteri cinese Le Yucheng, durante un recente incontro con alcuni gruppi di confronto collegati a 20 Paesi.

“Otto anni fa, al vertice di Shanghai della Conferenza sulle misure di interazione e rafforzamento della fiducia in Asia, il presidente cinese Xi Jinping aveva chiesto una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile. Questa nuova visione della sicurezza è stata dimostrata dagli eventi come una visione corretta ed efficace”, ha aggiunto il vice ministro Le Yucheng.

Fonte immagine: http://english.www.gov.cn/images/202204/21/62616c3bc6d02e5337e14f18.jpeg

Leave a reply